Siamo tutti Elon Musk

Siamo tutti Elon Musk

Non c’è nulla che possa fermare Elon Musk. Non ci sono vie di mezzo: o lo ami o lo odi.

E’ sempre avanti a tutti:

  • ha dato il via alle auto elettriche con la Tesla. Non me ne vogliano la Renault con la Z.E., la Fiat con La Prima, la BMW con le i5 o tutte le altre case automobilistiche che hanno puntato principalmente sul caro e vecchio motore a scoppio (che personalmente continuo a preferire)
  • ha fatto passi da gigante con l’intelligenza artificiale e la guida autonoma. Pensate all’enorme apporto che ha dato allo sviluppo di sistemi di machine learning, all’evoluzione stessa dell’intelligenza artificiale. Far guidare un’auto al posto tuo quando sei stanco o quando sei in mezzo al traffico non ha prezzo e si andrebbero a ridurre drasticamente anche eventuali incidenti causati da errori umani o distrazioni
  • Neuralink. Roba da film di fantascienza! A molti farà paura ed è giusto così, stiamo parlando di una simbiosi uomo/intelligenza artificiale che ci potrà aiutare in tantissimo modi, riuscendo a riparare danni celebrali permettendo, ad esempio, ai paraplegici di poter camminare nuovamente. Ci permetterà di comunicare e comandare un computer o una macchina senza l’ausilio di strumenti di comando, dato che lo strumento di comando saremo direttamente noi, il nostro cervello. Dall’altro lato non sappiamo dove ci porterà questa tecnologia e quali potranno essere le evoluzioni, sia buone che dannose, perché con la tecnologia ci possiamo fare un sacco di cose buona ma anche un sacco di cose sbagliate. Potremo essere hackerati? Se sì, cosa potranno farci?
  • tra le tante cose ricordiamo anche il recentissimo Tesla Cybertruck, un bestione, il pickup blindato elettrico mozzafiato, la Tesla Roadster, che monterà addirittura un propulsore dello SpaceX, ed il primo film girato direttamente nello spazio, con Tom Cruise
  • e poi arriviamo al grande sogno di tutti, grandi e piccoli: andare nello spazio. Tutti abbiamo sognato da piccoli di fare gli astronauti. A breve sarà possibile grazie a Space X. Anche qui, Elon è arrivato primo tra le società private che andranno nello spazio e che attraccheranno alla ISS, la Stazione Spaziale Internazionale, che fa il giro del pianeta più volte al giorno alla velocità di 26.500 km/h (ci sono diverse app che vi diranno quando potrete vedere la stazione ad occhio nudo nelle serate in cui il cielo è sereno e passa sopra le vostre teste).

A questo punto è doverosa una finestra a parte su Space X.

Mercoledì 27 alle 22.30 circa, ora italiana, abbiamo assistito con ansia, ammirazione, sognando di essere lì, al lancio del taxi spaziale Crew Dragon di Space X con a bordo i due astronauti americani Douglas Hurley e Robert Behnken. Purtroppo, a 15 minuti dal via, per via delle condizioni del tempo hanno dovuto rimandare il lancio di tre giorni e sabato 30 sarà il giorno che di nuovo tutti stavamo aspettando con ansia! Dopo nove anni dal termine del programma Space Shuttle finalmente l’America si prepara ad un nuovo lancio verso lo spazio, per tutti questi anni lasciato esclusivamente nelle mani della Russia.

Cosa sarebbe il mondo senza il cyborg Musk?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com