Hyperloop, primo test con persone effettuato

Hyperloop, primo test con persone effettuato

Hyperloop, il treno supersonico ideato da Elon Musk, ha effettuato il suo primo test con delle persone a bordo presso il DevLoop della Virgin Hyperloop, in Nevada.

Ci capita spesso di parlare di Elon Musk. Lo abbiamo fatto con i successi della SpaceX, nelle missioni passate tipo quella che ha portano l’equipaggio della Crew Dragon sulla Stazione Spaziale Internazionale il 31 maggio, ne riparleremo dopo il 14 novembre quando avverrà il secondo lancio del Falcon 9 con la missione SpaceX Crew-1 sempre verso la ISS, così come abbiamo parlato delle future missioni verso la Luna e Marte, per le quali l’azienda spaziale privata sta preparando la Starship.

Abbiamo parlato della Tesla o del tunnel sotto Las Vegas per permettere alle auto elettriche di attraversare la città in pochi minuti.

Abbiamo parlato di Neuralink, il sistema neurale per aiutare persone che hanno subito traumi alla spina dorsale. Lo stesso sistema permetterebbe all’uomo di poter essere sempre un passo avanti rispetto all’intelligenza artificiale in quando creerebbe una simbiosi tra uomo e macchina.

In questo articolo è il turno di Hyperloop, altra trovata del mitico Elon. Infatti nel 2012 fu sua l’idea di un treno supersonico a lievitazione magnetica che raggiungesse la velocità di 1.200 km/h per il trasporto di persone, viaggiando in un tubo a bassa pressione per minimizzare l’attrito con l’aria.

Il test

Il primo test con un equipaggio a bordo è stato eseguito domenica 8 novembre in Nevada presso il DevLop della Virgin Hyperloop, un tubo depressurizzato lungo 500 metri dove vengono testati i vari modelli degli Hyperloop. A bordo c’erano il cofondatore dell’azienda, Josh Giegel, e la responsabile di Passenger Experience Sara Luchian. Il test è durato poco più di 6 secondi arrivando ad una velocità di 170 km/h, molto inferiore alla velocità alla quale aspira il nuovo metodo di trasporto ma è il massimo raggiungibile in un tratto così breve senza un’accelerazione troppo forte per un comune passeggero.

Infatti l’Hyperloop è progettato principalmente per lunghe tratte, in quanto l’accelerazione iniziale deve essere leggera e costante, in modo da non recare possibili danni ai passeggeri. Così come dovranno essere evitate le curve perché le forze G stresserebbero l’organismo umano, che potrebbe subire ictus o altre conseguenze.

Sono in molti i progetti in collaborazione con diversi Paesi in tutto il mondo. In particolare due, quello per l’EXPO di Abu Dhabi previsto per ottobre 2021 per una tratta da 5km e quello di Virgin Hyperloop One in India che dovrebbe collegare Mumbai a Pune (circa 150 km).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com