“Your cock is mine” Quando un hacker controlla la tua cintura di castità smart

"Your cock is mine" Quando un hacker controlla la tua cintura di castità smart

Un hacker ha preso il controllo delle cinture di castità connesse a internet di alcune persone e per sbloccare i dispositivi ha chiesto un riscatto in Bitcoin. “Your cock is mine” ha scritto l’hacker a una delle vittime.

Qiui è un’azienda cinese che produce dispositivi smart, tra cui delle cinture di castità per uomini [ovviamente] e che possono essere sbloccate dal proprio partner attraverso l’apposita app. Lo scorso anno alcuni ricercatori per la cyber-security avevano segnalato che il Bluetooth di questi dispositivi aveva un bug e che avrebbe permesso ad alcuni malintenzionati di prenderne il controllo. La cosa non venne presa in considerazione dalla casa madre fino a quando non divenne un problema per alcuni utenti.

Uno screenshot dal sito del produttore cinese con una traduzione imbarazzante

Una vittima che ha chiesto di essere identificata solo come Robert ha detto di aver ricevuto un messaggio da un hacker che chiedeva un pagamento di 0,02 Bitcoin (circa 575€ oggi) per sbloccare il dispositivo. Si rese conto che il suo dispositivo era chiuso e non poteva accedervi: “Non ero più il proprietario della cintura e non la stavo indossando” ha detto a Motherboard, della rivista Vice, un’altra vittima che si chiama RJ. RJ ha detto di aver ricevuto un messaggio dall’hacker, che ha detto che avevano il controllo della cintura e volevano un pagamento per sbloccarla.

Questi hack dimostrano ancora una volta che solo perché puoi connettere qualcosa a Internet, non significa che devi farlo, soprattutto se non ti occupi di proteggere il dispositivo o la sua connessione. Sono incidenti come questi che inducono alcune persone a pensare che Internet of Things sia solo un termine di marketing per un sacco di dispositivi facilmente hackerabili.

QIUI, il produttore cinese del dispositivo, ha recentemente rilasciato un aggiornamento delle API per risolvere il problema, ma solo sui modelli più recenti.

Come al solito, fai attenzione a quali dispositivi ti fidi per i tuoi dati o, in questo caso, per i tuoi genitali.


Fonte: vice.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com