Il colore dei cibi

Il colore dei cibi

Molti potrebbero trovare sorprendente che, almeno nella maggioranza dei casi, i colori di alcuni alimenti esistano così come sono perché lo ha deciso il governo. Le succose arance comprate al supermercato forse non erano effettivamente arancioni quando sono state raccolte dall’albero. Invece avrebbero dovuto essere di una tonalità verde, quando diventano completamente mature.
Dare il colore dei cibi con tinture particolari, nasce in America a seguito di una battaglia in particolare: quella tra burro e margarina.


Burro vs Margarina

Il burro era una merce di valore nel 1860. Costoso e facilmente deperibile, c’era bisogno di un’alternativa. Alla fine del decennio, il chimico francese Hippolyte Mège-Mouriès creò una miscela di grasso animale, latte e sale che poteva resistere di più al deperimanto. Il sostituto del burro stava riscuotendo un gran successo nei supermercati americani, con la stessa rapidità con cui il prodotto arrivò nel paese nel 1870.
C’era tuttavia un problema. La margarina allo stato naturale sembra strutto, ma i produttori volevano competere con il burro in tutto e per tutto. Così iniziarono a colorarlo di giallo. I produttori lattiero-caseari e i produttori di burro non erano fan del sostituto, di conseguenza spuntarono una raffica di annunci anti-margarina.

Il governo federale degli Stati Uniti in qualche modo cercò di districare questa situazione, approvando l’Oleomargarine Act nel 1886. Ora, i produttori di margarina potevano ancora distribuire un prodotto tinto di giallo, ma c’era un’imposta del 2% per libbra sul sostituto del burro. È uno dei primi casi registrati di aziende americane, che usano l’intervento del governo per fermare la concorrenza.
L’industria del burro perseguiva più regolamenti e, alla fine del secolo, più di due dozzine di stati emanavano i propri ordinamenti sul colore degli alimenti. Il governo federale tassò la margarina gialla fino a 10 centesimi al chilo. Per bypassare questo, le fabbriche iniziarono a usare l’olio per colorare naturalmente la margarina o includere capsule di colorante giallo negli imballaggi in modo che le persone potessero mescolare il colore della margarina a casa.

Food and Drugs Act

L’idea di cambiare o migliorare il colore degli alimenti stava decollando, ma nel 1906 il governo federale approvò il Food and Drugs Act. Questo vietava l’uso di coloranti alimentari dannosi o additivi per nascondere prodotti danneggiati, a meno che non fosse etichettato come tale. Sette colori sono stati considerati sicuri per il consumo. Tra cui una serie di blu, gialli e verdi, anche se altre colorazioni potevano essere utilizzate purché apparissero sull’etichetta. Oggi ci sono nove colori approvati.
Nei primi anni del 1900, l’USDA iniziò anche a classificare il cibo sulla qualità del suo aspetto.
“Se non usiamo la colorazione nei nostri prodotti alimentari per sembrare molto diversi da quello che sembrano, potrebbe influire sulla decisione delle persone se acquistare o meno un prodotto alimentare”, ha spiegato Michael Roberts, direttore esecutivo del Resnick Center for Food Law and Policy.
Mentre più produttori di cibo armeggiavano con i colori, c’era una ricerca per sradicare le sostanze nocive.

Intorno al 1937 la Food and Drug Administration si mosse per emanare il Food, Drug, and Cosmetic Act dopo la morte di oltre 100 persone, compresi dei bambini, in un incidente medico che coinvolgeva un elisir destinato a curare varie malattie. La nuova legge non era solo un giro di vite sull’industria medica; i produttori di alimenti ora erano autorizzati solo per legge a incorporare coloranti alimentari certificati nei prodotti.


Il colore del cibo odierno

Ora, pensate a quell’arancia con cui avete fatto colazione stamattina. Grazie alla FDA ha una certa tonalità di arancione, ma potrebbe non essere sempre stato così.
Nelle località più calde, tipicamente più vicine all’equatore, le arance mature sono in realtà verdi. La maggior parte degli americani (ma anche Europei) è abituata a mangiare arance arancioni, quindi gli agricoltori di alcuni stati come la Florida e il Texas possono tingere o manipolare la pelle del frutto. Tuttavia, Stati come la California e l’Arizona hanno vietato questa pratica.
Altri vostri prodotti alimentari preferiti potrebbero anche nascondersi dietro i coloranti, tra cui popcorn a microonde, yogurt, gomme da masticare e pesce come il salmone.

“Il pesce è un problema enorme quando si tratta di inganno. Ci sono pesci che vengono catturati in Alaska, per esempio, inviati in Asia per manipolazione, rimandati in Alaska e poi inviati negli Stati Uniti per il consumo nei sushi bar”, ha detto Roberts del Resnick Center.
Oggi, l’uso di coloranti alimentari è in declino. Con opzioni alimentari sane che rimangono una priorità sia per i consumatori che per i produttori, le aziende sono alla ricerca di alternative più naturali. Mentre gli standard di sicurezza consentono un po’ di spazio di deformazione.
“Lo standard utilizzato dal governo è uno standard ragionevole [di sicurezza]”, ha affermato Roberts. “Quindi non devono essere infallibili, sicuri al 100%, ma devono dimostrarsi ragionevolmente sicuri. Quindi, permettiamo queste piccole eccezioni alla regola del 100%, regola senza rischi, al fine di soddisfare un moderno sistema alimentare di avere alimenti che sono fabbricati in diversi colori e gusto. Il problema al di là dei soli temi dell’inganno e della sicurezza è la questione: è questo il tipo di sistema alimentare che vogliamo?”.

Curiosità

Nell’immagine sotto potrete trovare come fare dei coloranti alimentari da soli a casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com