Vorkuta | La città russa ghiacciata

Vorkuta | La città russa ghiacciata

Vorkuta è la città più fredda d’Europa, con temperature che possono arrivare fina a -50°C, ed è stata fotografata dal fotografo Arseniy Kotov

Arseniy Kotov si dedica a documentare i cambiamenti di alcuni luoghi dalla caduta dell’URSS, una passione che lo ha portato nella città europea più fredda. Situata a circa 150 km dall’Oceano Artico, Vorkuta è una piccola città mineraria che un tempo ospitava uno dei campi di lavoro forzato più grandi del regno di Stalin. La città ha ora una delle popolazioni in più rapida diminuzione di tutta la Russia.

Durante la visita di Kotov ha visitato vari complessi abitativi costruiti per i lavoratori, molti dei quali sono stati abbandonati quando le miniere sono state chiuse. Un edificio in particolare, tuttavia, è la prova di come l’abbandono continua a turbare la città un tempo fiorente. Le sue fotografie inquadrano la fatiscente struttura a cinque piani che è interamente inglobata da ghiaccioli lunghi un metro e cumuli di neve.

Spesso gli edifici vengono trasformati in grotte altrettanto gelide quando i tubi scoppiano a causa della mancanza di manutenzione, portando a schizzi di acqua calda che causa un’elevata umidità e quindi la crescita di ghiaccio dappertutto.

All images licensed, © Arseniy Kotov
La storia di Vorkuta

La città un tempo ospitava una fiorente comunità di estrazione del carbone, che prometteva salari elevati per coloro che si trasferivano nella regione gelida. Vorkuta è “la città che muore più velocemente in Russia” poiché la popolazione è diminuita costantemente dal crollo dell’Unione Sovietica che ha alimentato l’iperinflazione e l’estrazione del carbone è quasi scomparsa. La città e le miniere furono costruite sulle spalle dei prigionieri sotto il regno di Stalin, ma il lavoro e le dure condizioni ne uccisero circa 200.000. Ora la città stessa sta morendo.

La città ospita ancora 50.000 abitanti, ma la popolazione è nulla in confronto a Vorkuta nel suo periodo di massimo splendore. Nel 1989 contava più del doppio degli abitanti attuali. La migrazione fuori città è aumentata dal 2013 a causa della disoccupazione, trasformando molti degli insediamenti in città fantasma. La maggior parte dei teatri, dei cinema e dei centri culturali della città sono stati chiusi.

Una città abbandonata a sé stessa

Secondo The Guardian, il governo non ha i fondi per riparare l’enorme quantità di edifici abbandonati che diventano instabili a temperature estreme. In condomini di 100 unità o più, di notte si vedono solo una manciata di luci; il resto è buio e abbandonato. Macchinari pesanti provenienti da luoghi di lavoro un tempo trafficati sono rimasti inutilizzati e coperti di neve.

Fonte: The Weather Channel, Colossal

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com