E se Blockbuster avesse comprato Netflix?

E se Blockbuster avesse comprato Netflix?

Proprio così e pare pure che ci siano state più occasioni in cui Blockbuster avrebbe potuto acquisire la società Netflix. Erano i primi anni 2000. Come sarebbe il mondo oggi se Blockbuster avesse comprato Netflix?

Nei primi anni 2000 l’allora CEO e co-fondatore di Netflix, Reed Hastings, ha cercato più volte un accordo con il capo di Blockbuster, John Antioco. Un accordo per cedergli l’allora società Netflix noleggio DVD-by-mail per $ 50 milioni (la stessa società oggi ha una capitalizzazione di mercato pari a $ 19,7 miliardi).

Blockbuster closing

Diventerà una delle più grandi opportunità perse in sala riunioni: Blockbuster decide di non acquistare Netflix. L’allora CEO di Blockbuster viene descritto come un duro, forte e, allo stesso tempo, rispettato manager. Ma mancava di visione su come e dove si stava dirigendo l’industria homevideo. I cambiamenti nel settore stavano avvenendo molto velocemente, proprio sotto il suo naso.

“La gestione e la visione sono due cose separate”, disse a proposito di quel periodo un altro ex dirigente di alto rango sempre di Blockbuster. Ricordando oggi: “Avevamo la possibilità di acquistare Netflix per 50 milioni di dollari e non l’abbiamo fatto. Stavano perdendo soldi. Sono venuti a proporsi un paio di volte.”

Una serie di errori, senza soluzione di continuità

Barry McCarthy, ex CEO di Netflix, ha dichiarato in un’intervista al blog non ufficiale di Stanford nel 2008, “Mi ricordato che ho preso un aereo, penso nel 2000, con Reed [Hastings] e [il co-fondatore di Netflix] Marc Randolph per volare a Dallas, Texas e incontrare John Antioco. Reed ha avuto il chutzpah, cioè la faccia tosta, per proporre loro di gestire il marchio online e gestire il [nostro] marchio nei negozi. Ci hanno quasi riso in faccia. Almeno inizialmente, pensavano che fossimo un’attività di nicchia molto piccola. Gradualmente nel tempo, man mano che crescevamo nel nostro mercato, il loro pensiero si è evoluto, ma inizialmente ci hanno ignorato e questo è stato a nostro vantaggio.”

Blockbuster puntave su altre iniziative. Nel 2000, ha siglato un accordo esclusivo video-on-demand di 20 anni con Enron Broadband Services, mentre il conglomerato energetico si lanciava nelle telecomunicazioni. La stessa Enron, che di li a poco sarebbe stata coinvolta in uno dei più gravi scandali finanziari negli Stati Uniti.

Inoltre Blockbuster era anche in ritardo per lanciare la propria attività di DVD-by-mail, era difficile a quel punto competere contro Netflix e Redbox.

Nel 2008, il CEO di Blockbuster Jim Keyes ha fatto un’offerta da 1 miliardo di dollari per acquistare Circuit City, ma il rivenditore di elettronica ha chiuso i battenti nel 2009 dopo essere fallito.

Blockbuster ha finito per presentare istanza di fallimento un anno dopo, nel 2010. Quando ha perso $ 1,1 miliardi. La società all’epoca era valutata circa $ 24 milioni, mentre il valore di Netflix salì a circa $ 13 miliardi.

L’ingloriosa scomparsa di Blockbuster

Dish Network, il terzo più grande operatore statunitense di pay TV, ha acquistato Blockbuster nel 2011 per $ 320 milioni. Cercando di mantenere aperti i negozi che ritenevano strategici, mentre i restanti 300 punti vendita gestiti dalla vecchia società chiuderanno entro metà gennaio dello stesso anno.

La leggenda narra (in realtà sembra essere un’ultima, ma, se così fosse, geniale, trovata di marketing) che l’ultimo film noleggiato da un cliente Blockbuster, il 9 novembre sia stato “This Is the End”.

E se Blockbuster avesse comprato Netflix? Oggi forse vivremmo in un mondo completamente differente, dove magari le serate davanti alla TV iniziano con la cruciale domanda: “Cosa ci guardiamo stasera su Blockbuster?”.


Curiosità

The Last Blockbuster è un documentario in uscita sull’ultimo negozio sopravvissuto della catena. La quale un tempo vantava una presenza massiccia sul suolo americano e non solo. Ancora in piedi a Bend, Oregon, il manager del video store, Sandi Harding è titolare del negozio dal 2004. Eccovi il trailer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com