L’aereo personale elettrico al prezzo di un SUV di lusso

L’aereo personale elettrico al prezzo di un SUV di lusso

E non ci sarà bisogno nemmeno di una licenza di pilota, dal momento che Opener’s Blackfly è certificato come un aereo ultraleggero.

Se qualche organizzazione mondiale creasse un premio per il veicolo aereo personale dall’aspetto più strano ma pratico, la Blackfly di Opener se lo aggiudicherebbe senza problemi. Blackfly, lo scorso fine settimana, si è esibito per la folla all’AirVenture di Oshkosh, Wisc., gareggiando contro Volocopter per essere nominato come il primo eVTOL pilotato in un evento pubblico.

blackfly

Opener’s Blackfly

La società californiana prevede di vendere fino a 25 dei suoi aeromobili ultraleggeri, gestiti da computer, entro la fine di quest’anno. Il suo sito web dice che “quando Blackfly entreranno nella produzione di massa li venderanno il prezzo di un SUV”. Poi aggiunge un leggero disclaimer: “Siamo vaghi sul prezzo, per non fare promesse non veritiere”.

L’aereo assomiglia a due scafi di una barca, uno che forma il fondo, l’altro invertito per formare la parte superiore. Con un baldacchino a forma di bolla al centro, per ospitare una persona che sarà il pilota e unico passeggero. Attaccate al guscio ci sono due ali, una davanti e l’altra nella parte posteriore, ognuna con quattro eliche alimentate elettricamente.

I computer dell’aereo possono inclinare le ali dritto, verticalmente o ovunque nel mezzo, permettendo a Blackfly di funzionare come un aereo o un elicottero tradizionale. Sorprendentemente, Blackfly non utilizza ruote sotto. Tocca semplicemente la chiglia dello scafo e si livella da un lato o dall’altro fino a quando l’ala sulla punta stessa del profilo alare si deposita a terra.

blackfly

Veicolo sportivo personale elettrico

Poiché Blackfly non richiede la licenza di pilota, è considerato un veicolo sportivo ricreativo dotato di un paracadute BRS opzionale che può essere utilizzato ad altitudini inferiori a 100 piedi dal suolo. Questo nel caso in cui i due computer ridondanti che controllano la macchina, fallissero allo stesso tempo. Il computer di bordo include anche un pulsante di ritorno a casa, proprio come un drone, in caso di smarrimento dell’operatore.

I motori e le batterie Blackfly sono stati tutti progettati internamente. “Il sistema di propulsione proprietario include i motori più potenti al mondo per le loro dimensioni”, ha detto Leng, CEO dell’azienda produttrice.

Blackfly ha volato quattro volte a Oshkosh. Ogni volta, dopo il decollo ha volato alcune centinaia di metri su un’area erbosa tra le piste, per poi tornare nel punto originale, atterrando delicatamente sulla sua chiglia, prima di inclinarsi da un lato.

Un’invenzione da un futuro passato

L’idea che sta dietro ai veicoli personali volanti non è proprio nuova, infatti la potete trovare anche in questo articolo della Scienza Illustrata dell’ottobre del 1950. Come abbiamo scritto in questo precedente post “Invenzioni da un futuro passato vol. 3”, già si parlava di questo tipo di soluzione per la mobilità urbana in contrasto al crescente problema dell’inquinamento da traffico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com